Il sintomo


Con orgoglio è entrato nella mia top 10 degli ultimi libri letti. E' una raccolta di casi in cui la malattia fisica e la mente sono in stretto contatto, in cui il soma esprime ciò che la psiche vuole, ciò che il conscio non ha ancora affrontato. L'autore è un medico generico ed immunologo.
Penso che l'immunologia dovrebbe entrare in tutte i campi della medicina, della psichiatria e della psicologia, con un posto di privilegio.

Riporto una frase scritta nella pst-fazione del libro che, per me, racchiude il senso di tutto il libro:

Un sintomo è un elemento, dunque, un'opportunità di dialogo con se stessi; un ingrediente culinario che lega in modo strettissimo i sapori di ogni anamnesi personale. Per qualcuno il linguaggio sintomatologico sarà più corporeo, come l'orticaria o il dolore, per altri più immediatamente emotivo, come l'ansia (dipende forse dal grado di coscienza).
Per entrambi gli esempi è necessario capire da quale oscurità origini il malessere. Ignorare la parte emotiva del Sé può essere uno stratagemma immediato e fittizio, per un benessere improbabile e superficiale, ma implodere continuamente  nei propri stati d'animo senza mai portarli in superficie per relazionarvisi, può costituire il presupposto certo per una somatizzazione patologica, espressa poi nei modi più disparati e personali.
Il sintomo Il sintomo Reviewed by Paola Romitelli on 11:54 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.