mercoledì 18 giugno 2014

Autismo e autonomia

Dire che una persona è affetta da autismo (o è autistica) non specifica nulla delle sue competenze, cioè di quello che è in grado di fare oppure no. Proprio per questo si parla di “spettro autistico”.
Quando si parala di autismo che ha bisogno di accorgimenti speciali, stili educativi e apprendimenti didattici basati su approcci comportamentali, training su un adeguato comportamento sociale ed interpersonale, allora significa che bisogna lavorare quotidianamente per raggiungere la più completa autonomia possibile.

In questi anni di lavoro ho potuto constatare che il modo migliore di lavorare per perseguire l'autonomia, è seguire l'approccio T.E.A.C.C.H. Poiché è un modo di lavorare che fin da piccoli guarda all'autonomia presente e futura. Cominciare da subito ad insegnare ad essere il più autonomi possibile, significa renderli più capaci, con il risultato di minore esclusione dagli ambienti sociali sia dei neurotipici che dei neurodiversi.

Ed ecco la mia gioiosa sorpresa quando ho letto della notizia di un progetto, il Progetto dei 300 giorni, che è stato realizzato in Emilia Romagna. Il progetto riguardava l'integrazione dell'approccio Teacch in alcune scuole superiori per ragazzi di 17-18 anni con autismo in collaborazione con la famiglia. Prendendo come base i risultati al test TTAP (TEACCH Transition Assessment Profile) l'intento è stato di lavorare sulle aree suggerite dal test stesso: attitudini e comportamenti lavorativi; funzionamento indipendente; attività del tempo libero; comunicazione funzionale; comportamenti interpersonali, con risultati soddisfacenti.

Il TTAP è un test completo che aiuta passo passo anche nella programmazione. E' molto efficace ed il suo utilizzo è consigliato. L'unica pecca che ha, secondo il mio parere, è che si può applicare troppo tardi. L'età infatti in cui è possibile usufruire del test sono i 17 anni del ragazzo. Ora, non tutti i ragazzi con autismo hanno una capacità tale da apprendere appieno le competenze pre-lavorative necessarie, o comunque le competenze per una più completa autonomia, in un anno o magari anche in due. Per la mia esperienza, il test alcuni casi il test è in ritardo. Si sa inoltre che per qualsiasi tipo di apprendimento è importante essere precoci.

Penso dunque che alla modalità di lavoro Teacch sia indispensabile iniziare da subito, dai due/tre anni, e penso che le indicazioni della programmazione TTAP possano essere iniziate a 14-15 anni, in alcuni casi anche prima. Non dimentichiamoci, infatti, che i test (come anche i vari modelli) sono nati in paesi esteri, dove la scuola lavora in maniera diversa e ha programmi diversi dalla nostra. Infatti la mia domanda è: durante tutti gli anni delle scuole superiori (dai 14 anni ai 18) cosa fanno i ragazzi con autismo che non riescono a seguire il programma curriculare?

Search This Blog

Powered by Blogger.

Si parla di:

adhd (2) alimentazione (10) amare (4) ambiente (36) amici blogger (1) amore (10) animali (25) anoressia (2) ansia (2) anziani (5) asperger (2) attualità (52) Auguri (3) autismo (22) avvisi (6) bambini (19) banner (4) blog (17) blogsfera (10) bullismo (2) cani (8) canzoni (2) carnefici (1) Chiesa (1) cinema (2) consumismo (6) consumo consapevole (16) coppia (6) corpo (1) cose divertenti (7) cultura e società (1) depressione (1) dieta (1) dipendenza (1) disabili (4) disturbi dell'apprendimento (2) donare (1) educazione (15) elettroshock (5) elettrosmog (2) enuresi (1) equilibrio (1) famiglia (1) femminilità (1) film (3) foto del mese (3) frase del mese (21) fumetti (2) gatto (5) genitori (4) gioco (3) google (1) infanzia (8) inquinamento (11) integrazione (1) ipercura (1) la nostra squola (11) la strada delle parole (3) leggendo Gomorra (5) libri (23) libro (2) link (1) mafalda (1) meme (2) mente (1) mezzi pubblici (2) neil armstrong (1) OGM (2) omossesualità (3) pediatra (1) pedofilia (14) petizione (4) piaghe da decubito (2) poesia (10) povertà (1) preghiera (4) premi (5) psichiatria (2) psicofarmaci (3) psicologi (6) psicologia (1) psicopatologia (2) psicosomatica (2) pubblicità (3) raccolta differenziata (2) radioattività (2) regalo (5) ricordo (10) riflessione (16) ringraziamenti (2) salute (28) scambio link (1) scuola (11) senso civico (26) sessualità (5) solidarietà (14) sondaggio (2) sport (1) stile di vita (7) strumenti educativi (5) strumenti educativi speciali (1) suicidio (2) supermercati (1) Tagore (1) teatro (1) truffe varie (1) varie (3) video (1) videogiochi (1) vittime (1) volontariato (1) youtube (1)

Followers

Google+

La mia foto

Psicologa, Psicoterapeuta - Insegnante di massaggio infantile - Facilitatrice Metodo Feuerstein

Post più popolari

Bottoni

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...