Nei pressi delle rotatorie (o rotonde)

Grazie ai finanziamenti europei, i comuni che hanno introdotto le rotatorie agli incroci sono notevolmente
aumentati anche in Italia (mentre non sono previsti finanziamenti per i semafori). Sembra infatti che la rotatoria diminuisca gli incidenti: se lo dicono le statistiche, allora ci devo credere.

Probabilmente ciò che mi succede quando guido nei pressi di una rotatoria è una piccola realtà. Si, perché mi domando come mai risultano meno incidenti quando c'è una rotatoria se la maggior parte dei guidatori non sa quali sono le regole stradali in caso di rotatorie, appunto.
Casi di incidenti a parte, di sicuro le rotatorie sono "bravissime" a creare traffico ed ingorghi maggiori che non se ci fosse un semaforo.

Comunque, nel disegnino sottostante c'è una rotatoria. Le macchine che stanno già percorrendola hanno la precedenza rispetto a quelle che arrivano dai rettilinei.
Infatti i segni per terra (che ho evidenziato con una freccia rossa) stanno ad indicare che si deve rallentare per dare la precedenza a chi sta compiendo il giro. A volte, oltre i segni per terra mettono anche il segnale di dare la precedenza (è quel tringolino con il bordo rosso e lo sfondo bianco, con la base capovolta che si trova ogni tanto, così, in prossimità di un incrocio).
Questo significa che le macchine che arrivano dai rettilinei, anche se vengono da destra rispetto a chi sta percorrendo la rotatoria, non hanno la precedenza, devono invece darla.

Allora, mi spiegate perché ogni volta che faccio una rotatoria ed ho la precedenza, quello che arriva dal rettilineo sulla destra crede di avere la precedenza? E ogni volta rischi che mi venga addosso oltre che prendermi regolarmente insulti che dovrebbero essere rivolti a loro?

Nei pressi delle rotatorie (o rotonde) Nei pressi delle rotatorie (o rotonde) Reviewed by Paola Romitelli on 11:21 Rating: 5

10 commenti:

  1. Marco Bastianello17 febbraio 2009 12:42

    Non mi ricordo se l'idea fosse di mio papà o di qualcun altro, so però che mi si è affacciata alla mente l'idea che la rotatoria faccia meno incidenti perchè necessita manifestamente di collaborazione reciproca e cautela. Buttandola giù in maniera polemica e iperbolica, potrebbe persino darsi che anche gli automobilisti più indisciplinati alla prospettiva di finire dentro una grossa e a volte confusa centrifuga stradale rallentino e stiano attenti a ciò che fa il vicino, trasformato da "avversario stradale" ad una sorta di temporaneo compagno di sventura.

    Intendiamoci. Era una tirata volutamente provocatoria, le rotatorie smaltiscono bene il traffico e sono utili quando sono belle grandi e ampie. Solo che hanno le loro controindicazioni.

    La prima di esse è un pericolo per i pedoni: si tende a mettere strisce pedonali giusto prima delle rotatorie. Naturalmente le macchine che arrivano sono ansiose di essere le prime ad affrontare la rotatoria oppure devono fermarsi giusto prima perchè un altro passa. Nel primo caso sarà difficile che si fermino lasciando passare il pedone, nel secondo spesso si piazzano giusto sopra le strisce. E legalmente, in presenza di strisce, il pedone è obbligato ad attraversare solo lì. Auguri!

    RispondiElimina
  2. il vero guaio in italia comincia dalle autoscuole: non insegnano nulla, a malapena si riconoscono i segnali.
    poi i mezzi pubblici mancano, così che ogni italiano ha una macchina a testa, quindi di conseguenza il traffico.
    la rotatoria da sempre si sa serve per evitare l'alta velocità su rettilinei che si incrociano, il problema è che non si considerano mai i pedoni in italia, quindi come diceva il commento prima di me, le strisce vengono messe nei posti sbagliati (dove non danno fastidio al traffico delle macchine) anziché mettere passaggi sopraelevati o sottopassi, soprattutto io non guido più da 6 anni e sinceramente saprei guidare meglio io così come sono oggi che molti altri in macchina.
    la precedenza ce l'ha sempre il prepotente in italia, ultimo paese per la sicurezza stradale, primo per le vittime della strada (io ad esempio)

    RispondiElimina
  3. Anche io sono uno di quelli che preferisce di gran lunga le rotatorie ai semafori. E poi sono più decorose e belle, specie con una bella aiuola al centro... E meno costose:-)

    RispondiElimina
  4. Spesso mi chiedo se chi imposta le segnaletiche in un determinato punto le sperimenta, ossia verifica che le persone riescano a seguire le indicazioni durante la guida: ho la convinzione che non lo facciano mai.
    Ciao da Armadioblu

    RispondiElimina
  5. Adesso le cose sono cambiate ma per un certo periodo nella mia città ci sono state le "rotatorie miste", ossia in alcune la precedenza l'aveva chi era nella rotatoria, in altre bisognava dare la precedenza a destra... Forse sperimentavano o forse ritenevano che un periodo di transizione fosse necessario. Arrivare da semplici incroci dove la precedenza l'ha sempre chi arriva da destra e passare così repentinamente alla rotatoria non è mica facile... è una cosa che può provocare dei traumi!!! Risultato? Una grande confusione!!!
    Adesso le rotatorie sono tutte regolari, ma qualcuno che ha dei dubbi c'è ancora...
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  6. Credo siano comunque meglio le rotonde che i semafori che consumano moltissima energia.
    Hei Paola ti ricordi del post su Facebook? :-D

    Manu

    RispondiElimina
  7. Se la minor spesa è rivolta ad una vera economia sono d'accordo, ci mancherebbe, è scontato. spero che sia stato così con le rotonde e che in Italia non si sia colta l'occasione per "mangiare".

    Anche io preferisco le rotonde al semaforo... ma fatte con criterio (vedi le strisce pedonali poste male) e con un buon insegnamento delle regole stradali sia agli automobilisti che ai pedoni.

    Proprio vicino casa mia hanno messo da qualche anno una rotonda e sono aumentati sia il traffico che gli incidenti, per ignoranza, per non saper leggere i segnali stradali, per la fretta che uno ha quando è in macchina e che in una città come Roma produce solo mal di stomaco e incidenti. Sembra poi che la maggior parte degli automobilisti è impegnato a dimostrare di saper guidare meglio, senza rispettare le indicazioni stradali, e mettendo in pericolo la sua vita ma soprattutto quella degli altri, questo, purtroppo, non solo in prossimità delle rotonde.

    RispondiElimina
  8. dopoilmattino.blogspot.com3 marzo 2009 16:09

    Le rotatorie, i semafori, gli automobiliti, l'informazione stradale....quanta materia da rivedere e proporre qualche aggiornamento per tutti.
    Credo di conoscere la regola, ma quando vedo un TIR, guardo bene se la ruota più vicina rallenta...
    Per gli incollati alla TV, potrebbero presentare qualche vignetta-progresso stradale!
    Agli internauti, anche.
    Un saluto Paola
    anna maer

    RispondiElimina
  9. dopoilmattino@blogspot.com1 giugno 2011 11:42

    o bella trovo un mio post!

    cosa aggiungere? che l'ignoranza delle regole genera...lavoro ai carrozzieri

    ciao Paola

    anna ma

    RispondiElimina
  10. Ciao Anna,
    il mio antivirus non mi fa aprire la pagine del tuo blog :( dicendo che il blog è associato ad un sito che distribuisce malwawe (o qualcosa del genere)
    PS- scusate l'off-topic, ma non sapevo come avvertire Anna!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.